You Make the Whole World Smile

You Make the Whole World Smile” is a single by New Zealand singer/songwriter, Hammond Gamble, as part of the Red Nose Band swiss water bottle, called “Hammond Gamble & The Red Nose Gang”.

The song was the theme song for television adverts for Red Nose Day. The music video featured many famous New Zealanders lipsynching to the song in black and white.

This local tune has the distinction of being the only song in the New Zealand charts to ever hit number one twice in separate years. “You Make the Whole World Smile” first hit number one in August 1992 and exactly a year later it was number one again after having dropped out of the chart completely soccer goalkeeper jerseys.It also was the only New Zealand song to reach number one in the two years. The song was also notable for knocking the song “Can’t Help Falling in Love” by UB40 out of the number 1 spot it had held for 10 weeks the goalkeeper glove shop, the UB40 song returned to number 1 the following week best soccer t shirts.

Anika Moa released a charity cover of the song in November 2010 as to fundraise for Cure Kids as part of Red Nose Day.

Le pistole non discutono

Le pistole non discutono è un film western del 1964 diretto da Mario Caiano waterproof bag camera.

Viene proiettato per la prima volta il 21 agosto 1964. Il film, diretto da un abile artigiano delle pellicole d’avventura come Mario Caiano, è il secondo western dopo Duello nel Texas prodotto dalla Jolly Film di Arrigo Colombo e Giorgio Papi che hanno come partner la spagnola Trio Film e la tedesca Constantin.

Nel giorno in cui il leggendario e non più giovane sceriffo di River Town Pat Garrett ha finalmente deciso di sposare la sua eterna fidanzata Martha Coogan quasi tutti gli abitanti del paese vanno ad assistere all’evento. Approfittando della situazione due banditi Billy Clayton e suo fratello George decidono di assaltare la banca electric fabric. Nel corso dell’azione a George scivola il fazzoletto con cui si è coperto il viso. Per evitare rischi Billy spara ai due cassieri che lo hanno riconosciuto. I fratelli fuggono poi con un bottino di ventimila dollari verso il confine messicano how to tenderize beef quickly. Richiamato dagli spari Pat Garrett arriva giusto in tempo per raccogliere la testimonianza di uno dei cassieri che prima di morire gli svela l’identità dei rapinatori. Lo sceriffo si mette sulle loro tracce con i suoi aiutanti i quali, però striped football socks, arrivati alla frontiera con il Messico si rifiutano di proseguire temendo la reazione delle pattuglie messicane che non hanno eccessiva simpatia i nordamericani. Garrett risoluto ad acciuffare i banditi decide di affrontare il rischio da solo. Pur perdendo il cavallo in un agguato riesce comunque a raggiungere la cittadina di Corona dove cattura i due fuggitivi. Per riportarli a River Town evitando le pattuglie messicane è costretto ad attraversare la terribile e desertica Valle del Diavolo, inseguito dal bandito Santero che è sulle sue tracce attirato dal denaro della banca. Billy muore in un tentativo di fuga, mentre il fratello George trova modo di redimersi aiutando Garrett a sconfiggere Santero e a riportare indietro il denaro.

Argiovito

Argiovito hydration running, also referred to as Argiovitro water bottle insulators, one Arbricio was bishop of Porto to the late sixth century.

Argiovito was an Arian bishop and was appointed to Porto in 585, when the Visigoth king Leovigild conquered the Suebi kingdom tenderize steak with fork, decreed exile for all Catholic bishops who did not to accept conversion to Arianism and designated Arian prelates to occupy them. Bishop Constancio, who headquarters was Catholic before this date, refused to leave the diocese, and both lived together, each in their religion, but the persecution of Catholics ceased the following year with the Leovigild’s death and with the succession of his son Reccared, newly converted to Catholicism on field football jerseys. Argiovito was one of the bishops who abjured Arianism in the Third Council of Toledo, held in 589, embracing Catholicism. You may like other converts in the same situation will respect the dignity of bishop, although the jurisdiction fall on legitimate Bishop Constancio, and that happen to it after his death, or it may abandon the ecclesiastical state. Some authors suspect that Argiovito was the same person with the name of Argeverto or Argevato confirmed in Toledo Gundemaro decree of the year 610, in which the king granted to the diocese of Toledo the primacy over all others in the kingdom. Others mention them as two different characters.

Inner Sanctum Mysteries

Inner Sanctum Mysteries – amerykański program radiowy, emitowany od 7 stycznia 1941 do 5 października 1952. Program został stworzony przez producenta Himana Browna. Liczył 526 odcinków.

Na łamach programu przestawiano słuchowiska radiowe, które miały charakter opowiadań tajemnicy i grozy o często makabrycznej treści. Transmisja programu rozpoczynała się i zamykała charakterystycznym, przeraźliwym skrzypieniem drzwi, które otwierały się przy dźwiękach organów (grał na nich Lew White), co miało tworzyć nastrój tajemniczości i grozy. Potem następowała, pełna ironii i czarnego humoru, krótka prezentacja prowadzona przez gospodarza programu. Po prezentacji rozpoczynała się opowieść.

We wczesnych latach czterdziestych gospodarzem programu był Raymond Edward Johnson, który drwiącym głosem przedstawiał się jako „Your host, Raymond” (tzn. Wasz gospodarz, Raymond). Od 1945 roku zastąpił go Paul McGrath, który nie nazywał już siebie „Raymond” ale określał tylko jako „Your Host” lub „Mr. Host”. Wśród aktorów występujących w słuchowiskach wymienić można takie osoby jak Boris Karloff (pojawił się w ponad 15 odcinkach), Frank Sinatra, Helen Hayes, Mary Astor, Orson Welles i wielu innych.

Na podstawie kilku słuchowisk emitowanych w Inner Sanctum Mysteries, wytwórnia Universal Studios nakręciła parę niskobudżetowych filmów grozy, w których główną rolę grał Lon Chaney Jr. Były to Calling Dr. Death (1943) fabric lint, Weird Woman (1944), Dead Man’s Eyes (1944), The Frozen Ghost (1945) mens shaver reviews, Strange Confession (1945) i Pillow of Death (1945).

Gora Tavlytor

Gora Tavlytor (ryska: Гора Тавлытор) är ett berg i Kirgizistan. Det ligger i oblastet Ysyk-Köl Oblusu, i den östra delen av landet, 400 km öster om huvudstaden Bisjkek. Toppen på Gora Tavlytor är 3 640 meter över havet, eller 112 meter över den omgivande terrängen. Bredden vid basen är 0,58 km.

Terrängen runt Gora Tavlytor är bergig åt nordost, men åt sydväst är den kuperad best college uniforms. Den högsta punkten i närheten är 3 896 meter över havet, 3,0 km sydost om Gora Tavlytor. Runt Gora Tavlytor är det mycket glesbefolkat

Mexico Home MARQUEZ 4 Jerseys

Mexico Home MARQUEZ 4 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

, med 5 invånare per kvadratkilometer bpa free thermos flask. Närmaste större samhälle är Novovoznesenovka, 16,3 km väster om Gora Tavlytor. Trakten runt Gora Tavlytor består i huvudsak av gräsmarker.

Ett kallt stäppklimat råder i trakten. Årsmedeltemperaturen i trakten är -5 °C. Den varmaste månaden är augusti, då medeltemperaturen är 10 °C, och den kallaste är januari, med -19 °C. Genomsnittlig årsnederbörd är 536 millimeter. Den regnigaste månaden är augusti, med i genomsnitt 77 mm nederbörd, och den torraste är mars, med 16 mm nederbörd.

Транслитерация болгарского алфавита латиницей

Транслитерация болгарского алфавита латинским осуществляется с помощью нескольких систем, важнейшие из которых даны в следующей таблице: официальная англо-американская система BGN/PCGN транслитерации болгарских географических названий (1952 года, неактуальна); система Библиотеки Конгресса Paul Frank Shoes Women, болгарский стандарт 1956 года, система ООН 1977 года (система Андрейчина, неактуальна), болгарские стандарты БДС 1596:1973 и БДС ISO 9:2001, система Данчева (Данчева-Холмана-Димовой-Савовой) 1989 года и Обтекаемая система 1995 года (официальна для Болгарии, ООН, США и Великобритании)

New Yorkbulls Away KLJESTAN 16 Jerseys

New Yorkbulls Away KLJESTAN 16 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

.

Примечания: В скобках даны варианты систем с использованием диакритических знаков. Последние две буквы болгарского алфавита употреблялись до 1945 года.

Обтекаемая система транслитерации была введена в 1995 году, впоследствии приобрела популярность в массовой практике и была официально утверждена болгарским правительством для употребления в персональных документах (в 2000 году) how to tenderize tough steak, на дорожных указателях, в официальных информационных системах, базах данных, на веб-страницах местных властей и т. п. (в 2006 году), а в 2009 году стала частью болгарского законодательства, послужив основой новопринятого Закона о транслитерации. Система была принята ООН в 2012 году, а также BGN и PCGN в 2013 году для официального американского и британского использования.

Различия в транслитерации букв «ч» football jersy, «ж», «я» и «ъ» подчёркнуты.

Commando de libération nationale

Le commando de libération nationale, en portugais Comando de Libertação Nacional (abrégé Colina), était une organisation politique d’extrême gauche au Brésil. Le commando aurait été créé en 1967 dans l’État de Minas Gerais, après la fusion de portugais :&nbsp beaker water bottle;Política Operária – Polop, une organisation fondée en 1961 comme faction du parti socialiste brésilien, avec quelques militaires de gauche. Le Colina s’est reconnu dans les idées de l’OSPAAAL, et commença des actions armées en 1968 pour financer une guérilla rurale contre la dictature militaire installée après le coup d’État militaire de 1964 avec le soutien du Gouvernement fédéral des États-Unis.

En 1969, quand plusieurs militants du Colina furent emprisonnés, le Colina devint la VAR Palmares après avoir fusionné avec d’anciens membres de la Avant-garde populaire révolutionnaire (PVR, Vanguarda Popular Revolucionária). Le Colina devint alors connu pour sa tentative maladroite de « faire justice » contre le capitaine bolivien Gary Prado, considéré comme l’officier qui a capturé et exécuté Che Guevara en Bolivie. Le 1er juin 1968, João Lucas Alves, Severino Viana, José Roberto Monteiro, et Amílcar Baiardi ont tué un officier dans le quartier de Gávea à Rio de Janeiro, croyant qu’il s’agissait de l’officier bolivien, alors qu’il s’agissait d’Edward Ernest Tito Otto Maximilian Von Westernhagen, un commandant de l’armée allemande. Du fait de l’incompréhension, le Colina a refusé de prendre une part de responsabilité dans l’attaque. Baiardi, le seul de ces quatre militants ayant survécu à la dictature, a révélé l’implication du Colina dans l’attaque en 1988 stainless steel thermos jug.

En novembre 1968, João Lucas fut arrêté et torturé jusqu’à la mort. Trois mois plus tard, Severino fut à son tour capturé. Il fut retrouvé mort dans sa cellule, selon l’enquête par suicide. De telles pratiques étaient communes durant cette période, comme la mort du journaliste Vladimir Herzog le révèlera par la suite.

En janvier 1969, la police civile de Minas Gerais entrepris de rechercher les unités de l’organisation, engageant de lourds combats avec les militants ce qui eu pour conséquence la mort de deux officiers de police. Peu de temps après, le groupe fut démantelé après l’arrestation de ses chefs. L’un d’eux, Murilo Pezzuti, fut envoyé à Rio de Janeiro où il devint un sujet de recherche humain pour les cours de torture de l’armée.

La membre la plus connue de Colina était Dilma Rousseff, devenue présidente du Brésil, qui avait rejoint le groupe dans sa jeunesse. Contrairement aux rumeurs, Rousseff indique qu’elle n’a jamais tiré sur un officiels ou un militaire durant son temps dans le Colina.

Maksim Grigorjev

Maksim Sergejevitsj Grigorjev (Russisch: Максим Сергеевич Григорьев; Lipetsk, 6 juli 1990) is een Russisch professioneel voetballer die doorgaans als rechtsbuiten speelt. In 2016 verruilde hij Lokomotiv Moskou voor FK Rostov. Grigorjev maakte in 2012 zijn debuut in het Russisch voetbalelftal.

Grigorjev speelde in de jeugdopleiding van Spartak Moskou, maar wist bij die club eigenlijk niet echt door te breken. In 2011 verliep zijn verbintenis bij de club en hij wilde naar FK Rostov vertrekken. Vanwege een bepaalde vergoeding voor transfervrije spelers onder de 23 jaar, werd echter besloten hem in te schrijven bij tweedeklasser MITOS Novocherkassk, dat hem zou verhuren aan FK Rostov. Op die manier werden de transferkosten gedrukt. Op 2 april 2011 debuteerde de linksbuiten tegen Lokomotiv Moskou. Hij scoorde ook direct tijdens zijn eerste duel. In 2012 maakte hij de overstap naar Lokomotiv Moskou, waar hij tekende tot medio 2015. In 2014 werd hij voor de duur van één seizoen verhuurd aan zijn oude club FK Rostov. Een jaar na zijn terugkeer verkaste Grigorjev definitief naar Rostov

Brazil Home HULK 19 Jerseys

Brazil Home HULK 19 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

, waar hij zijn handtekening zette onder een verbintenis voor de duur van drie seizoenen.

Grigorjev debuteerde in het Russisch voetbalelftal op 14 november 2012. Op die dag werd een vriendschappelijke wedstrijd tegen de Verenigde Staten met 2–2 gelijkgespeeld. De vleugelspeler moest van bondscoach Fabio Capello op de bank beginnen en na elf minuten viel hij in voor de geblesseerd uitgevallen debuterende doelpuntenmaker Fjodor Smolov. Tien minuten voor tijd werd ook Grigorjev weer afgelost, door mede-debutant Denis Tsjerysjev.

Bijgewerkt tot en met 13 september 2016.

1 Komissarov · 2 Kalatsjev · 3 Gueye · 4 Granat · 5 Terentjev · 6 Ezatolahi · 7 Poloz · 8 Kirejev · 9 Grigorjev · 10 Doumbia · 11 Boecharov · 14 Jarosjenko · 16 Noboa · 17 Skopintsev · 19 Bayramyan · 20 Azmoun · 23 Mevlja · 28 Prepeliță · 35 Dzjanajev · 44 Navas · 69 Kovaljov · 71 Veber · 77 Medvedev · 84 Gațcan · 89 Jerokhin · Coach: Daniliants

Storia degli Stati Uniti d’America (1980-1988)

Il più importante fenomeno demografico degli anni settanta fu l’affermarsi della “Sun Belt”, ossia la crescita degli Stati del Sudovest e del Sudest, specialmente Florida e California (che nel 1964 era diventata lo Stato più popoloso, sorpassando quello di New York). Non più tardi del 1980, la popolazione della Sun Belt aveva superato quella delle regioni industriali del Nordest e del Midwest che, al contrario avevano avuto una riduzione, in certi casi non solo in termini relativi al totale nazionale, ma pure in termini assoluti. La crescita della Sun Belt si intersecò a quella dei sobborghi, il cui sviluppo, iniziato negli anni cinquanta, era dovuto, in larga misura, al sempre maggiore utilizzo delle automobili. Inoltre, il settore dei servizi si affermò ulteriormente come principale fonte di lavoro, facilitando i trasferimenti dai “vecchi” stati industrializzati alle “nuove frontiere”.

La crescita della Sun Belt produsse un cambiamento nel clima politico della nazione, rafforzandone il conservatorismo. Sempre più conservatrice che in molte altre regioni del paese, la mentalità da boom economico di questa regione in crescita era in netto conflitto con le preoccupazioni della cosiddetta Rust Belt, una regione altamente congestionata, gravata da una base economica in declino, e casa di grandi gruppi di minoranze impoverite. Il Nordest e il Midwest rimasero molto più impegnati verso i programmi sociali e molto più interessati nella crescita regolamentata, rispetto alle aree completamente aperte e in espansione del sud e dell’ovest. Le tendenze elettorali nella regione riflettono questa divergenza—Nordest e Midwest hanno sempre più votato per i candidati democratici nelle elezioni federali, statali e locali, mentre il Sud e l’Ovest sono diventate la base del voto repubblicano. Per inciso, la California è riemersa come punto di forza per il Partito Democratico alla fine degli anni 1990, a causa della forte reazione negativa nei confronti delle prese di posizione percepite come nativiste e anti-affirmative action, del Partito Repubblicano. I bianchi non ispanici sono oggi una minoranza nello stato più popoloso degli USA.

Mentre sempre più industrie spostavano le loro fabbriche e quartier generali dai centri cittadini ai sobborghi con tassazione inferiore e regolamentazioni ambientali più lasche, molti videro una contrazione della propria base economica, mentre le municipalità perdevano le entrate derivanti dalle aziende che si erano trasferite. Nelle principali aree urbane della nazione la disoccupazione crebbe, aumentando la richiesta di servizi sociali, mentre la base fiscale declinava. La città di New York sfuggì di poco alla bancarotta nel 1975.

Il problema fiscale dei principali centri urbani della nazione si stava verificando nel contesto dei più ampi spostamenti demografici dai tempi della seconda guerra mondiale, che costrinsero le grandi città a fare i conti con una base fiscale in declino. Nel frattempo i conservatori si scagliarono contro quelli che consideravano come i fallimenti dei programmi sociali liberali, un tema potente nella gara presidenziale del 1980 e nelle elezioni di metà termine del 1994, quando i Repubblicani riottennero la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti dopo 40 anni di controllo dei Democratici.

I leader liberali degli anni ’60 glass from bottle, caratteristici dell’epoca della Grande Società e del movimento per i diritti civili, fecero strada in tutto il paese, negli anni 1970, a politici urbani conservatori, come il sindaco di New York, Ed Koch, un Democratico conservatore.

A partire dagli anni ’80 molti vecchi centri urbani vissero una specie di ritorno in auge, con una ondata di “signorilizzazione”, grazie a una nuova generazione di americani che scoprirono i piaceri della vita urbana. Le aree centrali delle città iniziarono ad attirare nuovamente gli investimenti, contribuendo al ritorno di una classe media benestante, in particolare a New York negli anni recenti. Mentre ciò ha incrementato la crescita commerciale e migliorato la base fiscale delle aree urbane, i prezzi delle abitazioni sono stati spinti verso l’alto, allontanando i residenti più poveri. I processi di “signorilizzazione” e di stratificazione tra ricchi e poveri sono stati fortemente intrecciati fin dal declino dello stato del welfare liberale degli anni ’60. La crescente scarsità di alloggi a basso costo contribuì quindi a uno dei fenomeni demografici più ampiamente discussi della metà degli anni 1980: quello dei senza dimora. Nonostante i conseguimenti del movimento per i diritti civili degli anni ’60, la classe urbana operaia afro-americana è diventata sempre più marginalizzata rispetto al grosso della società statunitense, rispetto alla sua controparte di due decenni prima, a causa delle tendenze demografiche della suburbanizzazione e della signorilizzazione. Negozi e imprese hanno abbandonato i centri storici, mentre il declino dei servizi sociali e dell’efficacia della affirmative action negli ultimi due decenni, ha ridotto le prospettive di miglioramento.

Gli anni ’70 inflissero duri colpi alla fiducia americana caratteristica degli anni ’50 e dei primi anni ’60. La guerra del Vietnam e lo scandalo Watergate mandarono in frantumi la fiducia nella presidenza. Le frustrazioni internazionali, compresa la caduta del Vietnam del Sud nel 1975, la crisi degli ostaggi in Iran nel 1979, l’invasione sovietica dell’Afghanistan, la crescita del terrorismo internazionale e l’accelerazione della corsa agli armamenti, sollevarono paure circa la capacità della nazione di controllare gli affari internazionali. Crisi energetica, disoccupazione e inflazione sollevarono questioni fondamentali sul futuro della prosperità americana.

Il “malaise” americano, termine che faceva riferimento al discorso del 1979 del presidente Carter noto come “discorso della crisi di fiducia”, a cavallo tra anni 1970 e 1980, non era infondato. Sotto la leadership di Leonid Brežnev (1964-1982), l’Unione Sovietica migliorò la qualità della vita raddoppiando i salari urbani e innalzando quelli rurali di circa il 75 percento, costruendo milioni di appartamenti monofamiliari, e producendo grandi quantità di beni di consumo e di elettrodomestici. La produzione industriale sovietica aumentò del 75%, e l’URSS divenne il più grande produttore mondiale di petrolio e acciaio.

Anche all’estero il corso della storia sembrò volgersi in favore dell’Unione Sovietica. Mentre gli Stati Uniti erano invischiati nella recessione e nel pantano del Vietnam, i governi filo-sovietici facevano grossi passi avanti, in particolare nel Terzo Mondo. Gli USA avevano fallito nell’impedire alla forze nordvietnamite di prendere Saigon, cui seguì l’unificazione dei paese in un Vietnam indipendente e con un governo comunista. Altri movimenti comunisti, diversi dei quali sostenuti da Mosca, si diffondevano rapidamente attraverso Africa, Sud-est asiatico e America Latina. E l’Unione Sovietica sembrava impegnarsi nella Dottrina Brežnev, inviando truppe in Afghanistan. L’invasione sovietica del 1979 segnò la prima volta in cui l’URSS inviò truppe al di fuori del Patto di Varsavia fin dai tempi della creazione di questa controparte orientale della NATO.

Reagendo a tutte queste percezioni di declino interno e internazionale degli USA, un gruppo di accademici, giornalisti e politici, etichettati da molti come “nuovi conservatori”, dato che molti di loro erano ancora Democratici, si ribellò nei confronti della deriva a sinistra del Partito Democratico negli anni 1970 su argomenti riguardanti la difesa (in particolare dopo la nomina di George McGovern nel 1972), lamentando il declino geopolitico statunitense e incolpando i Democratici liberali. Molti si radunarono attorno al senatore Henry “Scoop” Jackson, un Democratico, ma si allinearono in seguito con Ronald Reagan e i repubblicani, che promisero di contrastare l’espansione comunista e filo-sovietica.

In generale erano anticomunisti e sostenevano la necessità di un livello minimo di assistenza sociale da parte del governo. Ma il loro obiettivo principale erano le vecchie politiche di contenimento del comunismo. La Distensione con l’Unione Sovietica era il loro obiettivo immediato, con le sue mire di pace attraverso negoziati, diplomazia e controllo delle armi.

Guidati da Norman Podhoretz, i neoconservatori attaccarono l’ortodossia della politica estera durante la Guerra Fredda definendola di “appeasement”, una allusione ai negoziati condotti da Neville Chamberlain a Monaco di Baviera negli anni 1930. Essi consideravano le concessioni a nemici relativamente deboli degli USA come “concilianti” verso il “male”, attaccarono la Distensione, si opposero allo status commerciale di “nazione favorita” di cui godeva l’URSS, e sostennero l’intervento unilaterale statunitense nel Terzo Mondo, come metodo per far crescere l’influenza del paese negli affari internazionali. Prima dell’elezione di Reagan, i neoconservatori, acquisendo influenza, cercarono di sradicere i sentimenti contrari alla guerra provocati dalla sconfitta statunitense nel Vietnam e le massicce perdite nell’Asia Sudorientale che la guerra aveva indotto.

Durante gli anni 1970 Jeane Kirkpatrick, un’importante politologa e in seguito ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite durante la presidenza Reagan, incarico che resse per quattro anni, criticò sempre più il Partito Democratico. La Kirkpatrick divenne una convertita alle idee del neoconservatorismo. Tracciò una distinzione tra dittatori autoritari, che riteneva in grado di abbracciare la democrazia e che erano, non per coincidenza, alleati degli Stati Uniti, e dittatori totalitari comunisti, che considerava come inflessibili e incapaci di cambiare.

Oltre al crescente appello a sentimenti conservatori, le prospettive di rielezione di Carter nelle elezioni presidenziali statunitensi del 1980 vennero rafforzate quando riuscì facilmente a respingere una sfida alle primarie da parte del senatore Edward Kennedy del Massachusetts, icona dei liberali. Sullo sfondo della stagflazione economica e della percepita debolezza americana contro l’URSS all’estero, Ronald Reagan, ex governatore della California, ottenne la nomina Repubblicana nel 1980, vincendo gran parte delle primarie. Dopo aver fallito nell’ottenere un accordo senza precedenti con Ford, che sarebbe stato una specie di co-presidente, Reagan scelse il suo principale avversario alle primarie, George H. W. Bush, come candidato alla vice presidenza. Durante la campagna elettorale Reagan si affidò a Jeane Kirkpatrick come consigliere per la politica estera, perché identificasse le vulnerabilità di Carter in tale campo.

Reagan promise la fine della deriva nella politica estera degli USA nel dopo-Vietnam, e un ripristino della forza militare della nazione. Promise inoltre la fine del “big government” e di ripristinare la salute economica tramite l’uso della “supply-side economics”, una politica che il suo stesso vice presidente aveva in precedenza deriso definendola “voodoo economics”. Comunque, tutti questi obiettivi non erano riconciliabili attraverso una politica economica coerente.

Gli economisti che sostenevano la “Supply-side economics” guidarono l’assalto allo stato assistenziale costruito dal New Deal e dalla Grande Società. Essi asserivano che i disagi dell’economia USA erano in gran parte il risultato di una tassazione eccessiva, che aveva tenuto lontano il denaro dagli investitori privati e quindi soffocato la crescita economica. La soluzione, sostenevano, era di tagliare le tasse ovunque, in particolare nella fascia a più alto reddito, allo scopo di incoraggiare gli investimenti privati. Miravano anche a tagliare le spese governative su assistenza e servizi sociali destinati ai settori più poveri della società, che si erano rinforzate durante il periodo del Vietnam.

L’opinione pubblica, in particolare la classe media della Sun Belt, concordò con le proposte di Reagan, e lo votò presidente nel 1980. I critici accusarono che gli attacchi di Reagan all’assistenza federale erano pensati per appellarsi ad una classe media che si supponeva insensibile ai problemi che dovevano affrontare le famiglie e le minoranze povere. Essi indicarono anche fattori di economia internazionale degli anni 1970, come il crollo del sistema Bretton Woods di ordine monetario internazionale e la crisi energetica del 1973, che erano oltre qualsiasi controllo da parte del presidente.

Le elezioni statunitensi del 1980 furono un punto di svolta nella politica statunitense. Segnarono il nuovo potere elettorale dei sobborghi e della Sun Belt; inoltre, fu la svolta per togliere l’impegno nei programmi anti povertà del governo e nell’affirmative action, caratteristici della Grande Società. Segnalò anche un impegno per una politica estera più aggressiva.

Una terza candidatura del deputato John B. Anderson dell’Illinois, un Repubblicano moderato, ebbe poca fortuna. Le questioni principali della campagna furono la stagflazione, le minacce alla sicurezza nazionale, la crisi degli ostaggi in Iran, e il malessere generale che sembrava indicare come finiti i tempi d’oro degli Stati Uniti. Carter sembrò incapace di controllare l’inflazione e aveva fallito nel salvataggio degli ostaggi a Tehran. Carter scaricò i suoi consiglieri orientati verso la politica della Distensione e si spostò rapidamente a destra contro i sovietici, ma Reagan disse che era troppo poco, e troppo tardi.

Reagan ebbe una vittoria schiacciante, con 489 voti nei collegi elettorali contro i 49 di Carter. I Repubblicani sconfissero dodici senatori Democratici—molti dei quali abbastanza anziani—per riprendere il controllo del Senato dopo 25 anni. Alle elezioni, Reagan ricevette 43.904.153 voti (50,7% dei voti totali) e Carter 35.483.883 (41,0%). John Anderson ottenne solo 5.720.060 voti.

L’approccio di Reagan alla sua presidenza fu una specie di allontanamento da quello dei suoi predecessori; egli delegò molta parte del lavoro ai suoi subordinati, lasciandogli gestire gran parte delle questioni quotidiane del governo. Reagan inquadrò dei grandi temi e creò una forte connessione personale con i votanti. Contrariamente al compagno di partito Richard Nixon, Reagan non era così preoccupato dai dettagli dell’amministrazione quotidiana.

Ronald Reagan promise un revival dell’economia che avrebbe influenzato tutti i settori della popolazione. Propose di ottenere tale scopo tagliando le tasse e riducendo le dimensioni e gli obiettivi dei programmi federali. I critici del suo piano dissero che i tagli alle tasse avrebbero ridotto le entrate, portando a un deficit federale più grande, che a sua volta avrebbe portato a più alti tassi di interesse, opprimendo qualsiasi beneficio economico. Reagan e i suoi sostenitori, affidandosi alle teorie della supply-side economics, sostennero che i tagli alle tasse avrebbero incrementato le entrate grazie alla crescita economica, permettendo al governo federale di equilibrare il budget per la prima volta dal 1969.

La legislazione economica di Reagan nel 1981, comunque, fu una miscela di programmi contrastanti per soddisfare tutte le componenti del voto conservatore (monetaristi, indecisi della classe media metal water bottles, benestanti, ecc.). I monetaristi vennero placati con stretti controlli sulla base monetaria, i cosiddetti “cold warriors”, soprattutto i neoconservatori come la Kirkpatrick, ottennero grandi incrementi nel budget per la difesa; i contribuenti benestanti videro una riduzione triennale sia delle tasse individuali (i tassi marginali alla fine scesero dal 70% al 50%) sia sulle tasse aziendali; e la classe media vide che le sue pensioni non sarebbero state prese di mira. Reagan dichiarò tagli di spesa per il budget dell’assistenza sociale, che ammontava a quasi metà delle spese governative, teoricamente off limits a causa delle paure di un contraccolpo elettorale, ma l’amministrazione venne pressata per spiegare come avrebbe fatto il suo programma di tagli alle tasse e grosse spese per la difesa a non aumentare il deficit.

Il direttore del bilancio David Stockman, si affrettò a far approvare il programma di Reagan al Congresso prima della scadenza di quaranta giorni. Stockman non aveva dubbi che i tagli alle spese fossero necessari, e taglio le spese in generale (eccetto quelle per la difesa) per circa 40 miliardi di dollari; e quando le cifre non tornavano, ricorse all'”asterisco magico”—che significava “risparmi futuri da identificare”. Gli appelli dell’elettorato minacciato dalla perdita di servizi sociali non ebbero effetto; il tagli al bilanco passarono dal Congresso con relativa facilità.

All’inizio del 1982 il programma economico di Reagan era assediato dalle difficoltà. La nazione era entrata nella peggior recessione dai tempi della Grande depressione. Nel breve termine l’effetto della Reaganomics fu un deficit di bilancio in crescita. I prestiti governativi, assieme alla stretta alla base monetaria, risultarono in tassi di interesse altissimi (che arrivarono rapidamente attorno al 20%) e in una grave recessione con un tasso di disoccupazione del 10% nel 1982. Alcune regioni della “Rust Belt” (il Midwest e il Nordest industriali) scesero in una condizione di virtuale depressione. Solo l’inflazione venne immediatamente bloccata dal programma economico di Reagan.

Anche se Reagan avrebbe in seguito vinto la sua rielezione con una vittoria netta nelle presidenziali del 1984, il gradimento per la sua presidenza sprofondò nei mesi peggiori della recessione del 1982. I Democratici vinsero le elezioni di metà termine, recuperando le perdite del precedente ciclo elettorale. All’epoca i critici accusarono spesso Reagan di presiedere inconsapevole su una crisi economica e fiscale, accontentandosi di raccontare storielle sul periodo della sua carriera cinematografica, fare apparizioni, e pronunciare slogan. Ad esempio, nel 1982 l’ex direttore del bilancio David Stockman, un ardente conservatore fiscale, scrisse, “Sapevo che la rivoluzione di Reagan era impossibile–era una metafora senza agganci nella realtà politica e economica”.

Eppure, la recessione risaliva ben dentro gli anni ’70, molto prima del programma economico di Reagan. Inoltre, la resa dell’economia statunitense sotto Reagan fu migliore rispetto a quella del Regno Unito di Margaret Thatcher, che era stata coerente nella sua applicazione di un regime monetaristico (una stretta politica monetaria e una stretta politica fiscale, che produssero una deflazione nel mezzo della depressione).

Contrariamente alla Thatcher, Reagan combinò il regime di stretta monetaria della Federal Reserve con una politica fiscale espansionistica. Seguendo la recessione del 1982, le alte spese del governo furono uno dei fattori che contribuirono alla forte crescita (4,2% annuo nel periodo 1982-1988). Con la simultanea riduzione delle tasse, essa spinse in alto significativamente anche il deficit.

Un altro fattore nella ripresa dai momenti peggiori del 1982-83 fu il netto calo dei prezzi del petrolio, che pose fine alle pressioni che facevano salire i prezzi dei carburanti. Il virtuale collasso del cartello dell’OPEC permise all’amministrazione di alterare le sue strette politiche monetarie, per la costernazione degli economisti conservatori e monetaristi, che iniziarono a premere per una riduzione dei tassi di interesse e un’espansione della base monetaria, subordinando in pratica le preoccupazioni circa l’inflazione (che sembrava ora sotto controllo) alle preoccupazioni riguardanti la disoccupazione e il declino negli investimenti.

A metà del 1983, la disoccupazione diminuì dall’11% del 1982 all’8,2%. La crescita del PIL fu del 3,3%, la più alta dalla metà degli anni ’70. L’inflazione era sotto il 5%. La crescita del PIL, comunque, andò sempre più a mettere in ombra una non equa distribuzione del reddito, la povertà crescente, e l’abbassamento dei salari reali per la metà inferiore dei percepitori di reddito.

A seguito della ripresa economica che iniziò nel 1983, l’effetto fiscale a medio termine della Reaganomics fu un deficit rampante, con spese che continuavano ad eccedere le entrate a causa dei tagli alle tasse e a maggiori spese per la difesa. Il bilancio militare crebbe mentre le entrate fiscali, nonostante fossero aumentate rispetto alla stagnante fine degli anni 1970, non riuscirono a pareggiare i costi in rapida ascesa.

Nel suo primo mandato, Reagan continuò a chiedere aumenti al budget della difesa, fino al 10% annuo. I comitati del congresso nel frattempo, stavano indagando sul fatto che i mille miliardi di dollari in spese militari del primo mandato di Reagan avevano sorprendentemente portato a poco, indicando una presunta cattiva gestione da parte del Pentagono. Negli anni 1980, ad esempio, quasi 50 dei principali fornitori della difesa vennero indagati per aver sovraccaricato i prezzi e per altre condotte criminali.

I tagli alle tasse del 1981, i più grandi nella storia degli USA, erosero anche la base di entrate del governo federale nel breve termine. Il massiccio incremento nelle spese militari (circa 1.600 miliardi di dollari in cinque anni) superò di molto i tagli nelle spese sociali, nonostante l’impatto lancinante che tali tagli generarono nei confronti dei segmenti più poveri della società. Anche così, per la fine del 1985, i finanziamenti per i programmi interni erano stati tagliati tanto quanto il Congresso potesse tollerare.

In questo contesto, il deficit crebbe da 60 miliardi di dollari nel 1980 a un massimo di 220 miliardi nel 1986 (ben oltre il 5% del PIL). Durante questo periodo il debito nazionale fu più che raddoppiato, passando da 749 a 1.746 miliardi di dollari.

Mentre la spesa deficitaria ebbe valore come stimolo economico, e aiutò nella ripresa dopo il 1982, la dimensione delle insufficienze di bilancio degli anni 1980 lasciarono alti i tassi di interesse e un dollaro sopravvalutato, causando sofferenza a investimenti ed esportazioni e conseguentemente aumentando il deficit commerciale statunitense.

Poiché gli interessi sui risparmi negli USA erano molto bassi (circa un terzo di quelli del Giappone) il deficit venne coperto principalmente con prestiti dall’estero, facendo passare gli USA, nel giro di pochi anni, da più grande nazione creditrice del mondo a più grande debitrice. Questo non solo danneggiava lo status degli USA, ma fu anche un profondo cambiamento nel sistema finanziario internazionale del dopoguerra, che si era affidato all’esportazione di capitale statunitense.

Il deficit stava tenendo alti i tassi di interesse, anche se sotto il livello massimo del 20% dei primi anni dell’amministrazione Reagan, grazie a una tregua nella politica di stretta monetaria, e minacciava di spingerli ancora più in alto. Il governo fu costretto a chiedere in prestito così tanto denaro per poter pagare i suoi conti, che stava spingendo in alto il prezzo dei prestiti. Anche se i sostenitori della supply-side economics promisero una crescita negli investimenti grazie ai tagli fiscali, crescita e investimenti soffrirono nel contesto degli alti tassi di interesse.

Cosa forse più allarmante, il deficit dell’era Reagan teneva sopravvalutato il dollaro statunitense. Con una domanda così alta di dollari (dovuta in larga misura ai prestiti governativi), il dollaro acquisì una forza allarmante nei confronti delle altre valute principali. Con il dollaro che saliva di valore, le esportazioni americane divennero sempre meno competitive, e il Giappone ne fu il principale beneficiario. L’alto valore del dollaro rese difficile agli stranieri l’acquisto di beni americani d’importazione, che arrivavano sul mercato con prezzi alti.

La bilancia commerciale statunitense divenne sempre più sfavorevole; il deficit commerciale passò da venti a oltre cento miliardi di dollari. Così industrie statunitensi quali quella dell’automobile e dell’acciaio fronteggiarono una rinnovata competizione sia all’estero che sul mercato interno.

L’enorme deficit era in larga misura un’eredità dell’impegno di Lyndon Johnson per “guns and butter” (fucili e burro, ovvero la Guerra del Vietnam e la Grande Società) e della crescente competizione da parte delle altre nazioni del G7 dopo la ricostruzione del dopoguerra, ma fu l’amministrazione Reagan che scelse di far sviluppare il debito.

Mentre Reagan era in carica, accuse di un “vuoto di potere” esecutivo e di una scarsa attenzione presidenziale non furono probabilmente del tutto partigiane. Alcuni conservatori fiscali e Democratici criticarono il presidente per l’estensione della spesa deficitaria, soffermandosi spesso sulla mancanza di supervisione delle spese per la difesa. Nel gennaio 1985, l’importante editorialista conservatore William Safire, alluse alle accuse di George H.W. Bush secondo cui Reagan era sostenitore di una “voodoo economics”, fatte durante la gara per la nomina Repubblicana del 1980, e dichiarò sul The New York Times Magazine che “la Reaganomics mette in cattiva luce il voodoo” e che “gli Stati Uniti hanno perso il controllo dei loro mercati finanziari in favore degli stranieri.”

Il 2 gennaio 1988 fu firmato il Canada-U.S. Free Trade Agreement che creò una zona di libero scambio tra Canada e Stati Uniti.

Con la promessa di Reagan di ripristinare la forza militare degli Stati Uniti, gli anni ottanta videro un massiccio incremento delle spese militari, che ammontarono a circa 1.600 miliardi di dollari in cinque anni. Partì una nuova corsa agli armamenti, mentre le relazioni tra superpotenze si deterioravano fino ad un livello che non si vedeva dagli anni sessanta.

L’amministrazione Reagan favorì un approccio aggressivo alla Guerra Fredda, in particolare nell’arena di competizione tra superpotenze costituita dal Terzo Mondo. Dopo la sconfitta in Vietnam, comunque, gli statunitensi sopportavano malvolentieri i costi finanziari connessi alle operazioni militari su vasta scala. L’amministrazione elaborò allora la strategia dei “conflitti a bassa intensità” con l’impegno di basse aliquote di personale addestrato in particolare per le controinsurrezioni, invece di quella che si basava sull’impegno di grosse unità militari, come furono le guerre di Corea e Vietnam.

Il conflitto arabo-israeliano diede un altro impeto alle azioni militari. Israele invase il Libano per distruggere l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). Ma dopo il massacro di Sabra e Chatila, che provocò una crisi politica in Israele e un imbarazzo internazionale, le forze statunitensi si mossero a Beirut per incoraggiare il ritiro israeliano. In precedenza l’amministrazione aveva appoggiato l’invasione israeliana a metà del 1982, da una parte per mantenere il sostegno di Israele, ma anche per ridurre l’influenza del nemico filo-sovietico di Israele, la Siria. Comunque l’intervento statunitense nella sfaccettata guerra civile libanese ebbe conseguenze disastrose. Il 23 ottobre 1983, un attentato suicida alla caserma dei Marines fece 241 vittime statunitensi. Poco dopo gli USA ritirarono i 1.600 soldati restanti.

Due giorni dopo l’attentato di Beirut, gli USA condussero l’Operazione Urgent Fury—l’invasione di Grenada. Il 19 ottobre la piccola isola-nazione aveva vissuto il colpo di Stato del vice primo ministro Bernard Coard, un irriducibile Marxista-Leninista che cercava di rafforzare i legami esistenti con Cuba, l’Unione Sovietica e altri stati comunisti. Il pretesto dell’amministrazione Reagan per l’invasione fu la protezione di 500 studenti di medicina statunitensi e occidentali dal governo di Coard. Il successo dell’Operazione Urgent Fury risollevò il morale americano dopo il devastante attacco suicida di Beirut e distolse l’attenzione dei media da quest’ultimo evento. Grenada servì da modello per i successivi “conflitti a bassa intensità”. Gli USA in seguito attaccarono in modo simile la Libia, dopo che il suo leader, il colonnello Muammar al-Gaddafi, venne messo in relazione con l’attentato in una discoteca tedesca frequentata da militari statunitensi, che produsse tre morti, di cui due statunitensi.

Nel 1982-83 l’amministrazione Reagan fornì anche sovvenzioni e armi ai governi di El Salvador e Honduras (pesantemente influenzati dai militari) e in misura minore a quello del Guatemala, che era governato da un autocrate militare di destra, il generale Efraín Ríos Montt. L’amministrazione ribaltò anche la condanna ufficiale dell’ex presidente Jimmy Carter riguardante gli abusi dei diritti umani commessi dalla junta argentina e permise alla CIA di collaborare con l’intelligence argentina nel sovvenzionare i Contras. L’America Centrale fu la preoccupazione primaria, in particolare El Salvador e Nicaragua, dove la rivoluzione Sandinista aveva abbattuto l’ex governo della famiglia Somoza, appoggiato dagli USA. Le due nazioni erano state dominate storicamente dalle multinazionali e dall’oligarchia dei ricchi proprietari terrieri, mentre gran parte della loro popolazione restava nella povertà. Come conseguenza, i leader rivoluzionari, prevalentemente Marxisti, avevano ottenuto un sempre maggior supporto dai contadini delle due nazioni.

Nel 1982 la CIA, con l’assistenza dei servizi segreti argentini, organizzarono e finanziarono i paramilitari di destra in Nicaragua, noti come Contras. Il tracciamento dei fondi segreti per questa operazione portarono alla rivelazione dell’Irangate. Nel 1985 Reagan autorizzò la vendita di armi all’Iran, nel fallito tentativo di liberare ostaggi statunitensi in Libano. Reagan in seguito dichiarò di non essere a conoscenza che i suoi subordinati stavano illegalmente trasferendo i proventi ai Contras, fatto per il quale il tenente colonnello dei marines Oliver North, aiutante del consigliere nazionale alla sicurezza John M. Poindexter, si prese gran parte della colpa.

Nell’Africa subsahariana, l’amministrazione Reagan, con l’aiuto del Sudafrica dell’apartheid, cercò anche di rovesciare le dittature marxiste-leniniste del FRELIMO e dell’MPLA, rispettivamente in Mozambico e in Angola, entrambe sostanziosamente appoggiate da Cuba e dai sovietici, mentre nelle due nazioni era in corso la guerra civile. L’amministrazione intervenne a fianco dei gruppi insurrezionali del RENAMO in Mozambico e dell’UNITA in Angola, rifornendoli segretamente di aiuti militari e umanitari.

In Afghanistan, Reagan incrementò gli aiuti militari e umanitari ai mujaheddin che combattevano contro il governo fantoccio sovietico, fornendoli di missili antiaereo Stinger. Arabia Saudita e Pakistan, alleati degli USA, fornirono anch’essi significativa assistenza ai ribelli. Il Segretario Generale del PCUS Michail Gorbačëv ridusse e infine cessò l’impegno della sua nazione in Afghanistan, mentre le truppe sovietiche erano invischiate nella guerriglia.

Reagan espresse anche opposizione al regime comunista di Heng Samrin (e in seguito di Hun Sen) installato dai vietnamiti in Cambogia, che aveva spodestato il devastante regime dei Khmer Rossi dopo che il Vietnam aveva invaso la nazione. L’amministrazione approvò aiuti militari e umanitari agli insorti repubblicani del KPNLF e ai monarchici del Funcinpec. L’amministrazione Reagan sostenne anche la continua ricognizione da parte dell’ONU del Governo di Coalizione della Kampuchea Democratica (un’alleanza ribelle tripartita composta da KPNLF, Funcinpec, e Khmer Rossi) che si contrapponeva al regime della Repubblica Popolare di Cambogia, sostenuto dal Vietnam. Reagan proseguì il sostegno americano all’autocratico presidente delle Filippine, Ferdinand Marcos, un ardente anticomunista. Nel dibattito presidenziale del 1984 sponsorizzato dalla League of Women Voters, Reagan spiegò il sostegno a Marcos da parte della sua amministrazione dichiarando: “So che ci sono cose nelle Filippine che non ci sembrano buone dal punto di vista dei diritti democratici. Ma qual è l’alternativa? Un grande movimento comunista.” , facendo riferimento alla guerriglia comunista operante nelle Filippine all’epoca. Gli USA avevano anche un notevole interesse strategico nelle Filippine, sapendo che il governo di Marcos non avrebbe interferito negli accordi per mantenere le basi navali statunitensi nel paese. Marcos venne in seguito cacciato nel 1986 dal più pacifico movimento del “Potere al Popolo”, guidato da Corazón Aquino.

L’amministrazione Reagan adottò una linea dura nei confronti dell’URSS. All’inizio del suo primo mandato, il presidente attaccò la superpotenza rivale definendola come l'”impero del male”. Mentre era stato Jimmy Carter a porre ufficialmente fine alla politica della Distensione, a seguito dell’intervento sovietico in Afghanistan, le tensioni Est-Ovest agli inizi degli anni 1980 raggiunsero livelli che non si vedevano dai tempi della crisi dei missili di Cuba. La Strategic Defense Initiative (SDI) nacque dal peggioramento delle relazioni USA-URSS dell’era Reagan. All’epoca popolaremente soprannominato “Guerre stellari”, la SDI fu un progetto di ricerca di svariati miliardi di dollari per ottenere un sistema di difesa missilistico.

Mentre i sovietici avevano goduto di grandi conseguimenti sul palcoscenico internazionale prima che Reagan entrasse in carica nel 1981, come l’unificazione del Vietnam, loro alleato socialista, nel 1976, e una fila di rivoluzioni socialiste in Asia Sudorientale, America Latina e Africa, il rafforzamento dei legami della nazione con i paesi del Terzo Mondo negli anni ’60 e ’70 servì solo a mascherare la sua notevole debolezza in confronto agli USA. L’economia sovietica soffriva di gravi problemi strutturali. Le riforme rimasero in stallo nel periodo 1964-1982 e le carenze di beni di consumo divennero sempre più famose.

Le tensioni Est-Ovest si rilassarono rapidamente dopo la salita al potere di Michail Gorbačëv. Dopo la morte di tre vecchi leader sovietici in fila a partire dal 1982, il Politburo elesse Gorbačëv come capo del Partito Comunista Sovietico nel 1985, segnando l’ascesa di una nuova generazione di leader politici. Sotto Gorbačëv, i tecnocrati orientati alle riforme e relativamente giovani consolidarono rapidamente il loro potere, fornendo una nuova spinta per la liberalizzazione politica ed economica, e l’impeto per coltivare relazioni più calorose e commerci con l’Occidente.

Concentrandosi sulla perestroika, Gorbačëv lottò per far crescere la produzione di beni di consumo, impresa impossibile dato il doppio fardello dato dalla corsa agli armamenti della Guerra Fredda da una parte, e dalla fornitura di grandi somme di aiuto militare e umanitario che gli alleati socialisti dell’URSS avevano imparato ad attendersi, dall’altra. Sotto Gorbačëv i politicanti sovietici accettarono sempre più gli avvertimenti dell’amministrazione Reagan per cui gli USA avrebbero reso la corsa agli armamenti un peso sempre più difficile da sopportare. Il risultato, in Unione Sovietica, fu un approccio duale di concessioni agli Stati Uniti e di ristrutturazione economica (perestroika) e democratizzazione (glasnost) interna, le quali resero infine impossibile a Gorbačëv mantenere il controllo centrale. I falchi di Reagan hanno fin da allora sostenuto che la pressione derivante dall’incremento nelle spese statunitensi per la difesa diede un ulteriore spinta alle riforme.

Carlo Biscaretti di Ruffia (disegnatore tecnico)

Carlo Biscaretti di Ruffia (Torino, 1879 – Ripafratta, 1959) è stato un disegnatore, storico e progettista italiano football shirt designs. È stato il fondatore dell’omonimo museo dell’automobile di Torino.

Figlio di Beatrice Ferrero e di Roberto Biscaretti di Ruffia, Senatore del Regno e cofondatore della FIAT, ereditò dal padre la grande passione per le automobili. Nel 1898, non ancora maggiorenne, si unì al gruppo dei gentleman-driver fondatori dell’Automobile Club di Torino, partecipò al 1º Giro automobilistico d’Italia del 1901 e fu tra primissimi in italiani a conseguire la patente di guida, nel 1902.

Dotato di grande talento per il disegno, abbandonò gli studi di legge per dedicarsi al disegno tecnico, collaborando con le neonate aziende automobilistiche italiane nella realizzazione degli esplosi per i libretti di uso e manutenzione.

Allo scopo di accontentare il padre che gli consigliava un periodo di apprendistato manageriale, nel 1905 si trasferì a Genova come dirigente di filiale della “Fabbre & Gagliardi”, commerciale di accessori per biciclette e automobili, e poi nella capitale quale direttore nella filiale romana della “Carrozzeria Alessio”.

Nel 1907 ritorna a Torino per finalmente dedicarsi alla sua passione e fonda lo “Studio Tecnico Carlo Biscaretti”, nella centrale via della Rocca, che diverrà presto un punto di riferimento di molte aziende italiane ed europee, per il disegno tecnico e la grafica pubblicitaria. Biscaretti riceve importanti incarichi da grandi imprese del settore automobilistico come Itala, FIAT, Lancia, SPA, SCAT, Nazzaro, Ansaldo, Michelin e Solex, ma anche di altri settori come Aurora, Olio Sasso e Olivetti.

Pur continuando l’attività di pubblicitario, in campo automobilistico si lega all’esclusiva con la Itala, per la quale assume, dal 1916 al 1930, l’incarico di direttore dell'”Ufficio Stampa e Pubblicità”.

Ormai affermato e richiestissimo professionista, nel 1932 Biscaretti decise di abbandonare la propria attività per dedicarsi prevalentemente alle automobili d’epoca ed alla conservazione del patrimonio tecnologico italiano. Nello stesso anno viene incaricato di organizzare una mostra retrospettiva al 26º Salone dell’Automobile di Milano del 1933 e, sostenuto dal padre e da Cesare Goria Gatti, presenta il suo progetto per realizzare a Torino il Museo dell’Automobile a Mussolini, giunto nel capoluogo piemontese per l’inaugurazione dell’autostrada Torino-Milano.

L’idea ottiene l’assenso del Duce e l’iniziale appoggio dell’amministrazione comunale, ma viene ostacolata dalla melliflua contrarietà dal senatore Giovanni Agnelli che, incredibilmente, dichiarò di non ritenere la tecnologia automobilistica italiana sufficientemente prestigiosa da dedicargli un museo. La vera ragione per il pronunciamento di un simile paradosso, aveva probabilmente origine nel fatto che Agnelli, proprietario dei terreni edificabili e centrali sui quali doveva sorgere il museo, non poteva opporsi alla loro vendita per non contrariare Mussolini, ma lanciava un leggibile messaggio all’amministrazione comunale di Torino che subito si adeguò, prima frenando l’iniziativa e poi portandola verso un forte ridimensionamento.

Il museo, dopo cinque anni di “tira e molla”, venne così confinato nella periferia cittadina, in angusti locali ricavati nella struttura dello Stadio Benito Mussolini, dove per la ristrettezza degli spazi fu possibile esporre solo 73 degli oltre 180 pezzi che componevano la collezione museale. Il museo venne comunque aperto al pubblico nel 1939, ma a causa della posizione decentrata, per anni gli unici visitatori furono i tifosi che andavano a curiosarvi nell’intervallo della partita do calcio.

Dopo la parentesi bellica, Biscaretti riprese caparbiamente la sua opera per dare una sede adeguata al museo best handheld running bottle, riuscendovi nella seconda metà degli anni cinquanta. I lavori iniziarono nel 1957 sweater lint, ma il promotore non visse a sufficienza per vederli ultimati: la morte lo colse nel suo eremo di Ripafratta, mentre stava progettando la disposizione di una delle sale espositive. La nuova struttura fu a lui dedicata e aperta al pubblico il 3 novembre 1960.